Tirocini curriculari e post lauream

Negli ultimi anni SuperAbile si è aperta ai ragazzi offrendo loro la possibilità di svolgere il tirocinio tramite le proprie attività, sperimentando percorsi di crescita e formazione molto stimolanti per tutti. Le proposte di tirocinio sono rivolte agli studenti di lettere e filosofia, scienze dell’educazione, medicina e psicologia e alcune professioni sanitarie, quali terapisti occupazionali – educatori professionale ecc. Gli studenti vengono inseriti nei diversi i progetti dell’associazione e seguiti dall’equipe psicopedagogica dI SuperAbile.

Per la facoltà di Lettere e Filosofia si propone un progetto di tirocinio finalizzato alla stesura e correzione di copioni teatrali per i differenti laboratori che l’associazione porta avanti. I tirocinanti hanno la possibilità di costruire uno spettacolo teatrale a 360 gradi seguendo non solo la stesura del copione, ma anche la creazione e l’allestimento della scenografia, la scelta dei costumi e la selezione di musiche, suoni e luci adatte.

Per gli studenti di Medicina e Psicologia e le altre professioni sanitarie si propone un progetto di tirocinio finalizzato a mantenere e/o recuperare il benessere della persona con disabilità, per migliorarne la qualità di vita nell’ambito domestico, nell’autonomia e nell’integrazione sociale.
Le attività previste vertono su differenti aree: dagli incontri di gruppo ai laboratori teatrali e ludico-ricreativi, gruppi di ascolto e auto-mutuo aiuto, l’orto urbano e lavori individualizzati che hanno come scopo sviluppare specifiche abilità e competenze dell’utente.
Il tirocinante può inoltre svolgere funzioni professionali come ad esempio l’analisi della domanda o la valutazione psicologica nei servizi rivolti alla persona e alle comunità.

Per la facoltà di Scienze dell’educazione si propone un progetto di tirocinio finalizzato al lavoro con la disabilità in contesti gruppali e individuali, volto allo sviluppo della salutogenesi sempre attraverso le specifiche e differenti attività che l’associazione porta avanti.

Ai fini della collaborazione per i tirocinanti di tutte le facoltà è necessaria la partecipazione ai corsi di formazione promossi dall’associazione che vertono su un inquadramento generale sulla disabilità, sugli aspetti legati alla comunicazione e alla gestione dei rapporti interpersonali e dei comportamenti problema, oltre che del modus operandi dell’associazione stessa. Inoltre i corsi di formazione sono un momento fondamentale dal momento che implicano un lavoro introspettivo di tutti i partecipanti che porta a una maggiore consapevolezza dei propri stati emotivi e delle proprie dinamiche comportamentali.

L’équipe multidisciplinare che segue i progetti è formata da:
@ una psicologa – psicoterapeuta
@una psicologa – psicoterapeuta in formzione
@un educatore professionale in formazione
@una docente di sostegno in formazione
@un Terapista Occupazionale

Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento.

I PCTO sono percorsi trasversali per l’orientamento, rappresentano i progetti che prima andavano sotto il nome di alternanza scuola lavoro e sono esperienze che i ragazzi devono fare obbligatoriamente come parte del loro percorso formativo.

SuperAbile si propone come promotore di tale percorso trasversale, con l’obiettivo di offrire esperienze originali seppur antiche, per avvicinare gli adolescenti al mondo del volontariato e soprattutto della disabilità. Tutto ciò affinchè possano vederla con altri occhi, non come qualcosa da tenere lontano bensì come qualcosa che può far piacevolmente parte della propria vita. Si vuole infatti passare ai giovani il modello utilizzato dall’associazione per includere le persone diversamente abili e interagire con esse in una modalità nuova lontana dal mero assistenzialismo.

Il progetto proposto riguarda la partecipazione agli incontri dell’Orto Avanzato, dove si andranno a conoscere gli aspetti teorici relativi agli ortaggi e alle modalità di semina e coltura; mentre rispetto alla parte pratica si andrà a lavorare la terra, per rigirarla, al fine di una migliore semina, inoltre si provvederà alla cura degli ortaggi in tutti i suoi aspetti (innaffiare, potare, cogliere) e si sperimenteranno alcune tecniche specifiche come la pacciamatura. I momenti all’orto saranno vissuti insieme ai volontari e agli utenti dell’associazione, ciò permetterà di fare esperienza direttà della disabilità e della modalità specifica di SuperAbile di vivere con le persone disabili. Insieme impareranno la cura degli ortaggi che per noi rappresenta un’importante metafora del prendersi cura di sè e dell’altro. Fare insieme è la specificità di SuperAbile! Non mancherà il tempo per giocare, passeggiare in riserva e vivere momenti conviviali.

Un momento che SuperAbile ritiene prezioso in questo percorso è quello della formazione con i ragazzi. Questo momento è uno spazio di scoperta di sè e dell’altro, l’altro inteso come gruppo, ma anche inteso come le persone diverdamente abili con cui si andrà a condividere il percorso; in questa parte di formazione si affronteranno gli apsetti teorici relativi alla disabilità, dalla spiegazione delle diagnosi, alle principali metodologie di intervento nella disabilità, per arrivare al modello specifico di SuperAbile. La formazione prevede momenti strutturati e semi-strutturati ed utilizza una modalità ludica -esperenziale.

Questo in quanto si ritiene che nel gioco le persone possano conoscersi meglio, con una modalità leggera ma profonda. I ragazzi si ritroveranno a scoprire il proprio mondo interno, le loro qualità, limiti e risorse e prenderanno più consapevolezza di loro stessi, così da poter affrontare meglio ogni situazione.

L’équipe multidisciplinare che segue i progetti è formata da:
@ una psicologa – psicoterapeuta
@un educatore professionale in formazione

Se(s)soloSapessi

Se(s)soloSapessi è il corso di Educazione alle Relazioni, all’Affettività e alla Sessualità di SuperAbile.

Consci del diritto alla socialità, alle relazioni intime, nonché alla sessualità che le persone con disabilità hanno, ma allo stesso tempo consapevoli della complessità e delle difficoltà che tali aspetti portano con sé, sia per quanto riguarda le famiglie, gli utenti stessi, la comunità che le istituzioni, l’associazione sta ideando e organizzando un corso-laboratorio di educazione alle relazioni, all’affettività e alla sessualità.
Tale corso è pensato sia per i ragazzi che per le famiglie, differenziandoli in due gruppi che potranno in alcuni momenti incontrarsi se necessario. Con i gruppi si andranno ad affrontare i suddetti temi, partendo dai bisogni degli utenti, dalle loro esigenze e dai loro desideri; senza dimenticare le paure delle famiglie e degli utenti stessi. SuperAbile vuole costruire insieme un percorso di comprensione, crescita e avvicinamento a tali tematiche, partendo da quello che già sanno gli utenti per ampliarlo e differenziarlo in base all’età e alle esigenze. L’associazione vuole porsi come guida alla scoperta del complesso mondo dell’amore, al difficile percorso della costruzione di relazioni amicali e amorose, per poi approdare al misterioso mondo della sessualità.
L’idea è di partire dalla base permettendo alle persone di esercitarsi nell’includere l’altro nei propri pensieri, allontanandosi da una modalità centrata unicamente su se stessi (Teoria della mente), imparare a impostare delle conversazioni, degli scambi nei primi moemnti di conoscenza come nelle serate con vecchi amici; si vuole passare alle differenze tra amore e amicizia, per poi arrivare agli aspetti più prettamente relativi all’intimità e la sessualità dei rapporti.

L’équipe multidisciplinare che segue i progetti è formata da:
@ una psicologa – psicoterapeuta
@una psicologa – psicoterapeuta in formzione
@ un educatore professionale in formazione.

Corsi di formazione per operatori e volontari

SuperAbile ha a cuore la modalità in cui i suoi volontari ed operatori si approcciano alle persone con disabilità dell’associazione e non, per questo ha deciso di realizzare diversi momenti di formazione durante l’anno. Questi momenti sono volti a creare un linguaggio comune, a passare ai nuovi volontari ed operatori il modo personale e innovativo di SuperAbile di stare con le persone disabili, intersecando momenti teorici ad altri prettamente esperenziali. All’interno di questi momenti si da grande spazio al lavoro su se stessi, alla ricerca personale a livello emotivo e psicologico di quelle che sono le specifiche risorse e qualità che ognuno può mettere in campo nel lavoro di cura con l’altro.

La modalità che SuperAbile predilige per svolgere la formazione prevede un breve periodo fuori dalla città (ma anche in città), un fine settimana intensivo, con l’intento di riflettere e pensare alla filosofia e alla modalità di intervento specifica utilizzata dall’associazione, affinché ci sia un modo di stare con la disabilità e con le persone fragili che, oltre le personali caratteristiche, sia uniformato, usi le stesse strategie di intervento e persegua gli stessi obiettivi e si muova sugli stessi valori.

Tutto questo viene proposto in una modalità esperenziale e ludica, in quanto SuperAbile segue le teorie pedagogiche e psicologiche che da diversi anni ritengono che il gioco sia uno strumento fondamentale per l’apprendimento e per la conoscenza di se stessi, poichè permette di prendere consapevolezza di sè e, attraverso la creatività, di imparare a conoscersi in modo più profondo; è risaputo oramai che tramite il gioco si impara a mettersi in relazione con gli altri individui e con la realtà esterna. Inoltre SuperAbile da grande valore alle relazioni, agli scambi e interazioni fra le persone. Il gioco fa si che si abbassino le difese, che normalmente si mettono in atto nelle relazione e attinge direttamente alla parte più profonda dell’essere umano, tramite le proiezioni che mette in atto.

L’équipe multidisciplinare che segue i progetti è formata da:
@ una psicologa – psicoterapeuta
@un educatore professionale in formazione
@un volontario esperto in formazione

“Si può scoprire di più su una persona in un’ora di gioco, che in un anno di conversazione”. Platone.